martedì 28 maggio 2013

Per i giovani: dai Mandrioli a Roma, passando per Assisi

Credo?!? ...sui passi della fede...

11 - 18 Agosto 2013


Un itinerario per giovani dai 18 ai 25 anni alla riscoperta dei contenuti forti della nostra fede.





Attraverso l'incontro con la creazione, con l'esperienza di Francesco di Assisi e dei primi cristiani, avremo occasione di riflettere sulla nostra storia di fede, sulla bellezza del messaggio di Gesù e sul senso del credere dentro la comunità cristiana.

L'itinerario si svolge in tre luoghi significativi: il Villaggio san Francesco, Assisi e Roma. Gli spostamenti saranno fatti con pulmino, ma sono previste anche escursioni a piedi non troppo faticose.
I posti sono limitati: affrettati ad iscriverti!
Iscriviti contattando frà Mirko (framirk@yahoo.it)  
entro metà Giugno.

mercoledì 22 maggio 2013

Il coro del santuario

Già da molti anni presta servizio presso il Santuario un piccolo coro polifonico. Si tratta di un gruppo di persone animate dal desiderio di rendere più decorosa e raccolta la liturgia di alcuni particolari appuntamenti, come le Solennità dell'anno liturgico (Natale, Pasqua), le occasioni di pellegrinaggio al Santuario (venerdì di Quaresima, festa del 26 luglio, festa del miracolo, Epifania, festa del ringraziamento) e alcune importanti ricorrenze legate alla tradizione francescana (S. Francesco d'Assisi, S. Antonio di Padova, Solennità dell'Immacolata).
Il coro, di circa 20 elementi, canta a tre voci (soprani, contralti e bassi) ed esegue un repertorio semplice che va da alcuni brani antichi (XIII secolo, XV secolo) a pezzi di autori contemporanei di musica liturgica. Il coro è un luogo dove sperimentare anzitutto la gioia di cantare e di pregare cantando; lo spirito di servizio che anima ciascuno è quello di favorire nelle persone la preghiera e la partecipazione alla liturgia.

Si tratta di un coro "dilettantistico", dunque non si richiedono particolari capacità, se non il gusto di cantare e la gioia di mettersi a servizio con ciò che si ha e si è. Questo è dimostrato anche dal clima di accoglienza e di serena allegria che si respira durante le prove. Le prove di canto si svolgono secondo un calendario concordato di volta in volta con i cantori così da favorire il più possibile la partecipazione di tutti.

Saremo felice se vorrai unirti a noi!
Per informazioni puoi contattare fra mirko (framirk@yahoo.it).

Le prossime prove di canto si terranno martedì 28 maggio alle 21.00.
Il prossimo impegno di animazione è la liturgia eucaristica nel giorno di S. Antonio di Padova, giovedì 13 giugno alle 20.30.

sabato 18 maggio 2013

Vieni, Spirito Santo!

"Io pregherò il Padre ed egli vi darà un altro Paràclito perché rimanga con voi per sempre" (Gv 14,16).

Con grande riconoscenza siamo invitati ad accogliere il dono dello Spirito che oggi si rinnova nel cuore della Chiesa e di ciascuno di noi!
Egli è il Paraclito, il "Chiamato accanto" per consolarci e difenderci da ogni male.
E' il Respiro Eterno che lo stesso Signore Gesù ha voluto per noi, domandandolo al Padre con la Sua preghiera filiale.
La solennità di Pentecoste, in fondo, ci rivela ancora una volta il grande desiderio di Dio: essere sempre con tutti gli uomini e le donne di ogni tempo, con una dedizione senza misura! Tutta la Santa Trinità desidera farci abitare nella sua compagnia: il Figlio prega per noi, il Padre invia a noi, lo Spirito rimane con noi!
E dunque accogliamo il Dono: Vieni, nostro Respiro e nostra Vita!

Buona solennità di Pentecoste!

Una cartolina di fr. Giovanni, ministro provinciale

mercoledì 15 maggio 2013

Alziamo la Voce 2013

Sabato prossimo 18 maggio si terrà nel piazzale del convento il consueto festival musicale "ALZIAMO LA VOCE". Questa manifestazione è molto importante perchè avvicina i giovani e li aiuta a riflettere sui problemi della vita... Quest'anno si cimenteranno nella gara cinque complessi musicali giovanili sul tema del terremoto che ha colpito l'Emilia.

Tutti siete invitati! La manifestazione prenderà inizio alle 20.00, ma dalle ore 19.00 saranno in funzione lo stand gastronomico e diversi giochi.
Durante la serata ci sarà una raccolta di beneficienza a favore della ricostruzione dell'asilo di Cavezzo (MO).
Speriamo davvero di incontrarti!!!




sabato 11 maggio 2013

Ci ha lasciato p. Ottavio


Ieri sera, 10 maggio, alle 23.10, si è spento il nostro fratello Ottavio. Aveva 78 anni. La caduta che lo ha portato all'ospedale è occorsa il 13 febbraio, mercoledì delle ceneri. Da allora Ottavio è andato progressivamente aggravandosi fino alla morte avvenuta presso il Bufalini di Cesena.
Dalle Ceneri all'Ascensione... Un cammino di Quaresima e di Pasqua che ha visto il nostro caro Ottavio soffrire molto e abbandonarsi progressivamente all'incontro con il Signore Risorto nel cielo.
Nel ricordarlo, con la nostalgia e la sofferenza di questi momenti, siamo certi però che la pace e la gioia del Cristo sono ora pienamente davanti ai suoi occhi, asciugati da ogni lacrima.
"Mi indicherai il sentiero della vita:
gioia piena alla tua presenza,
dolcezza senza fine alla tua destra!"
dal Salmo 16

Ci ritroveremo per un momento di preghiera in Santuario domenica 12 sera alle ore 21. 

Il rito delle esequie sarà celebrato 
lunedì 13 maggio alle ore 16 
nel santuario del SS. Crocifisso di Longiano.  
Di seguito accompagneremo il corpo di Ottavio al cimitero di Longiano. 

venerdì 10 maggio 2013

Solennità dell'Ascensione

"Alzate le mani li benedisse.  Mentre li benediceva, 
si staccò da loro e veniva portato su, in cielo". 
(Lc 24,50-51)

E' l'ultima immagine che abbiamo di Lui: le mani alzate.
E queste mani, le mani del Figlio, sono ancora lì,
alzate per sempre, per intercedere a nostro favore,
per sostenerci e rialzarci. Per indicarci la via.
Così, l'Ascensione del Signore, avviene all'insegna di queste mani che benedicono,
che ci portano con sé nel cuore dell'Amore divino;
questo è il "cielo" dove sin da ora possiamo dimorare!
E per quanto ci capiterà di allontanarci da Lui,
sempre potremo fare ritorno a questa forza di attrazione:
un vortice benedetto che ci ha aperto la strada alla comunione con il Padre.

Buona solennità dell’Ascensione!

cartolina e testo di fr. Giovanni Voltan, ministro provinciale

martedì 7 maggio 2013

Con Francesco preghiamo la Vergine

Invochiamo Maria, con le parole di Francesco, perchè ci insegni ad essere anche noi dimora di Gesù. Maria si fece accogliente e disponibile alla grazia... Diventi anche la nostra esistenza spazio di incarnazione della Parola di Dio!


Ti saluto, Signora santa,
regina santissima, 
Madre di Dio, Maria, 
che sempre sei Vergine, 
eletta dal santissimo Padre celeste 
e da Lui, col santissimo Figlio diletto 
e con lo Spirito Santo Paraclito, consacrata. 
Tu in cui fu ed è ogni pienezza di grazia e ogni bene.

Ti saluto, suo palazzo.  
Ti saluto, sua tenda. 
Ti saluto, sua casa. 
Ti saluto, suo vestimento. 
Ti saluto, sua ancella. 
Ti saluto, sua Madre.
San Francesco

venerdì 3 maggio 2013

6 maggio: la festa del miracolo

Il grande affresco nella controfacciata del santuario
Il 6 maggio è il giorno in cui ricordiamo il prodigio avvenuto nel 1493, allorchè una vitella si prostrò davanti all'immagine del crocifisso e non volle rialzarsi fin quando non ottenne la benedizione del ministro provinciale dei frati!
Che senso ha, dopo più di 500 anni, ricordare ancora questo fatto, prodigioso sì, ma certamente di non molto spessore?
Nella vicina Rimini, un giorno del 1223, per la potente intercessione di Antonio di Padova, anche una mula affamata si inginocchiò davanti all'Eucarestia, piuttosto che lanciarsi sul fieno, convincendo così l'eretico Bonovillo ad abbracciare la retta fede.
Questi fatti costellano la storia cristiana ricordandoci che tutto il creato riconosce la bontà e la signoria del Creatore! Ci siamo mai chiesti, per esempio, perchè l'asino e il bue stanno nel presepe accanto al Dio bambino per sostenerlo e riscaldarlo, visto che i vangeli non ne parlano? Solo un vangelo apocrifo molto tardo (lo Pseudo Matteo) ne parla, attingendo la loro presenza da un oracolo del profeta Isaia: "il bue conosce il suo proprietario e l'asino la greppia del suo padrone, ma Israele non conosce e il mio popolo non comprende" (Is 1,3).
Ecco qui la strada giusta per ben interpretare questi fatti! Gli animali riconoscono il Signore e la sua bontà; questo sia per me di insegnamento: se non riconosco la presenza di Dio nella mia vita sono come un bue e un asino, anzi peggio! Noi che il Signore lo abbiamo già incontrato in tanti luoghi e in tanti modi non possiamo permetterci di essere così stolti da dimenticarlo!

La festa del miracolo ci riporti allora a piegare le ginocchia davanti al Crocifisso, laddove Dio dice tutto il suo amore per noi! Quanto stolto sarebbe dimenticare di essere amati!

In santuario festeggeremo questa ricorrenza con la
celebrazione eucaristica presieduta dal vescovo Douglas 
lunedì 6 maggio alle 20.30

Al termine della celebrazione seguirà uno spettacolo della compagnia teatrale "de Bosch" nei locali del convento.